Saint-Ursanne

La successione delle case mostra l‘andamento delle mura fortificate e la separazione tra la città duecentesca ed intorno alla chiesa, e la linearità della rete stradale, sorta a est dopo l’incendio del 1403.

La pittoresca cittadina lega le proprie origini all'agglomerato sviluppatosi intorno all'eremo del monaco irlandese Ursicinus. La successione delle case mostra l‘andamento delle mura fortificate e la separazione tra la città duecentesca ed intorno alla chiesa, e la linearità della rete stradale, sorta a est dopo l’incendio del 1403.Le tre porte furono ricostruite nei secoli XVI e XVII. La “Porte Saint-Pierre”, all’entrata est, ha la struttura inferiore medioevale ed è sormontata da un tetto a padiglione con torretta campanaria (1552 e 1665). A ovest corrisponde la “Porte Saint-Paul” (Porte de Porrentrouy) interamente ricostruita nel 1664.

L’entrata sud è rappresentata dalla “Porte Saint-Jean”, nel contempo testa di ponte del ponte sul Doubs. Dalle pesanti formi arcaicizzati.

La Collegiata è una basilica romana a pilastri senza transetto. Sotto il coro del secolo XII si trova la cripta ad aula. La navata si mantiene sempre fedele alle chiese romaniche della Borgogna e della Franche-Comté. Il campanile di facciata è una ricostruzione del 1442. Il portale a sud si rifà alla cosiddetta porta di San Gallo della cattedrale di Basilea; nel timpano, Cristo attorniato dai Santi Pietro e Paolo, sette angeli e un donatore; nelle nicchie laterali, la Madonna col Bambino e Sant’Ursicinus.

Municipio ricostruito nel 1825. Il pianterreno, aperto su un porticato a piloni con volta a crociera costolonata risale all’edificio precedente, gotico.

Da non perdere

Le tre porte d'accesso alla città: Porte Saint-Pierre (est), Porte Saint-Paul (o Porte de Porrentruy a ovest) e Porte saint-Jean (a sud)

La colleggiata ed il campanile con una pittoresca piazza

Il municipio

Caratteristiche

print
Abitanti: 689
Altitudine: 440 m s.l.m.
Cantone: Giura
Cultura
Paesaggio
Gastronomia